IIS BRESSANONE

Praga 2019 – ancora vincenti!

 
Print Friendly, PDF & Email

Great work!!!!!

Anche quest’anno si ripete il successo dei nostri ragazzi alla fiera internazionale delle aziende simulate di Praga. (Progetto Simulimpresa)

Gli studenti di 4a ITE si sono classificati secondi nella competizione per il miglior stand.

 

La classe 4a ITE dell’Istituto Tecnico Economico “Falcone Borsellino” di Bressanone, come ogni anno, ha partecipato alla fiera delle simulimprese a Praga.

Il 20 marzo gli studenti hanno allestito lo stand della loro impresa simulata “Eurotech S.n.c”: sullo sfondo un banner che riproponeva  un panorama mozzafiato  delle Dolomiti faceva da cornice all’esposizione dei prodotti per la ristorazione alberghiera offerti dall’azienda madrina di Bressanone  ZE PE’ SAS DI GIUSEPPE ZEMA & CO.

Per due giorni gli studenti hanno “venduto” i loro articoli  e “acquistato” i prodotti delle altre aziende simulate, dando vita a una serie di operazioni virtuali collegandosi ad una rete internazionale di oltre 120 imprese simulate. In questo contesto gli studenti hanno potuto mettere a frutto le loro competenze linguistiche nel confronto con “clienti” di altre nazionalità europee.

La classe 4a ITE è stata apprezzata per la professionalità e in particolar modo per aver offerto ai propri clienti prodotti tipici dell’Alto Adige. Inoltre, i ragazzi hanno cucito dei sacchettini di lana cotta, tessuto tipico tirolese offerto dalla ditta Moessmer di Brunico, che hanno riempito con dei trucioli di pino cembro, noto per le sue proprietà rilassanti, da usare come gadget per promuovere l’azienda.  Per il secondo anno consecutivo la 4a ITE si è piazzata sul podio vincendo il secondo premio come miglior stand d’Europa. Inoltre, con il suo catalogo ha scalato la classifica fino ad ottenere un quinto posto, finora mai raggiunto.

Hanno partecipato al progetto gli alunni: Daniel, Lorenzo, Sonia, Marzia, Lea, Jack, Franziska, Marco e Birgit, accompagnati dai docenti Umberto Tonziello, Renato Moretta e Marilena Battistella. Si ringrazia inoltre la professoressa Annalisa Pascolini.