IIS BRESSANONE

Didattica a distanza – aggiornamenti

 
Print Friendly, PDF & Email

Linee guida (aggiornate)

FAQ IIS BRESSANONE

Rispondiamo alle vostre frequenti domande anche alla luce delle ultime normative e note del MI sulla didattica a distanza.

Si può attivare Google Classroom tramite la scuola? facendo accedere gli studenti con credenziali fornite dalla scuola?

Abbiamo attivato Google Classroom per la nostra scuola. Ogni docente e ogni alunno ha un indirizzo e-mail istituzionale e ha ricevuto le credenziali per accedere alla piattaforma di GSuite. Al momento ogni docente sta lavorando al meglio utilizzando diversi mezzi, tutti validi, ma ovviamente uno strumento comune potrebbe risultare meno disorientante per gli studenti.

L’attivazione di Google suite come scuola è un’opportunità in più che potrà essere utilizzata con l’aiuto e il supporto dei colleghi che se ne stanno occupando (la prof.ssa Lanfredi, Laura Avancini). Al di là dell’emergenza, anche in futuro potrebbe diventare uno strumento utile per la scuola.

Vi è un problema di trattamento dei dati personali?

Il trattamento dei dati personali per la didattica a distanza è oggetto di una nota del nostro DPO dott. Avanzo che parla dell’utilizzo delle piattaforme (in allegato). La circolare ministeriale n. 388 del 17/03/2020 ci rassicura un po’ perché ritiene valide le liberatorie date dalle famiglie nel momento dell’iscrizione per l’uso dei dati personali (in allegato). Per il registro elettronico abbiamo incaricato Madisoft del trattamento dei dati, per la piattaforma GSuite abbiamo dato informativa alle famiglie e richiesto l’assenso all’uso.

Possiamo inserire i voti nel registro? sarebbe molto utile per essere certi che sia gli alunni che i genitori ricevano l’informazione.

Sì, potete, (vedi anche domanda su valutazione) però attenzione a come viene inserito il voto. Ci sono due possibilità:

  • Inserirlo con la spunta “non fa media” spiegando agli alunni che il voto fa parte di una valutazione formativa. Il voto è valido ma non definitivo. (potrebbe inseguito diventare valutazione sommativa).
  • Inserirlo come voto di verifica sommativa con un peso ponderato a seconda della tipologia di test effettuato. Nella conferenza di servizio del 18/03/2020 gli ispettori hanno suggerito di essere prudenti soprattutto se sono valutazioni negative e magari aspettare indicazioni su quali strumenti siano più idonei per la valutazione a distanza.

Il registro va firmato?

No

Segnalo gli assenti?

Non si possono considerare assenti gli alunni che non partecipano alla didattica a distanza, ci possono essere svariati motivi.
Le assenze non vanno indicate, il calcolo per la validità dell’anno scolastico quest’anno sarà necessariamente fatto forfettariamente. Le indicazioni saranno date da ordinanze ministeriali.
I ragazzi sono a casa, se non partecipano e non lavorano, salvo impossibilità e difficoltà oggettive, ci daranno elementi per la valutazione formativa. Ciascuno tenga una nota della partecipazione da comunicare periodicamente al coordinatore di classe.
Salvo diverse indicazioni da parte del MI e della Sovrintendenza per il momento agiamo così.

Posso fare lezione al di fuori degli orari scolastici?

Sarebbe il caso di seguire l’orario scolastico, eventualmente si possono fare scambi di ora coi colleghi della classe o concordare con gli studenti un orario pomeridiano tenendo conto del carico giornaliero complessivo

I ragazzi possono contestare i voti che inserisco sui lavori on line?

La valutazione e prevalentemente formativa: gli esiti dei compiti assegnati, delle esercitazioni e quant’altro vanno comunicati agli studenti. Valutazioni sommative sono da concordare con gli studenti e hanno il peso che darete voi a seconda del tipo di verifica che proponete. Il Sovrintendente scrive che in attesa di COMUNICAZIONI UFFICIALI quella prodotta da casa è una valutazione indicativa “valida ma non certo definitiva” ed è questo da comunicare agli studenti. In ogni caso il collegio dei docenti deve rivedere in tal senso i criteri generali di valutazione prevedendo la valutazione a distanza. Il CD ha deliberato i nuovi criteri di valutazione il 07/04/2020.

I ragazzi sono obbligati a partecipare alle interrogazioni se le faccio con video?

Se decidete di fare una verifica dovete concordarla con gli studenti, dopo esservi accertati che abbiano gli strumenti tecnici per partecipare. Per la valutazione si veda risposta precedente.

Come devo compilare il registro?

Anche se non svolgiamo le lezioni con le stesse scansioni orarie, o facciamo meno interventi rispetto alle nostre ore di lezione, dobbiamo entrare “fuori classe” sulla giornata in cui abbiamo lezione, segnare “altro” dalla tendina dove appare il tipo di lezione, inserire l’argomento trattato in modo sintetico, eventualmente allegare il materiale nello spazio “allegati” e non firmare.
Ricordiamoci di indicare sul registro anche i compiti assegnati.

Possiamo delegare i coordinatori di classe ad organizzare gli interventi temporali dei colleghi?

Le linee guida della scuola danno compito ai coordinatori di sorvegliare che non vi siano accavallamenti e sovraccarico di lavoro. Il mezzo che utilizzeranno è a loro scelta

Quale strumento possiamo utilizzare perché sia a tutti i docenti e anche alle famiglie chiaro cosa si fa in quella classe settimanalmente?

Proposte arrivate:

  • utilizzo di una tabella settimanale delle attività della classe, per ogni materia, che il coordinatore manda preventivamente a studenti e famiglie.
  • utilizzare solo il registro elettronico che è l’unico documento “ufficiale”, compilato opportunamente con gli argomenti espressi sinteticamente, i materiali o il link agli ambienti che si stanno utilizzando e la scadenza delle consegne.

Le riunioni degli organi collegiali possono essere fatte a distanza?

Si, ufficialmente oggi il Decreto-legge all’art. 73 lo prevede per tutti gli organismi della PA, non menziona ufficialmente la scuola ma lo si adotta per analogia (Direttore di Ripartizione Dott.Tonino Tuttolomondo in Conferenza di servizio)

Come utilizzare Zoom per i CdC o anche per il CD? Il tempo a disposizione per il collegamento è sufficiente?

40 minuti max non sono pochi. In ogni caso si può programmare una sessione dietro l’altra con 10 minuti di pausa tra l’una e l’altra.

Come venire incontro alle difficoltà dei ragazzi di dover gestire per ogni insegnate strumenti differenti?

Le linee guida lasciano liberi i docenti di usare le strategie idonee a raggiungere i ragazzi. Indicano però di utilizzare solo il registro elettronico per caricare i compiti assegnati. Anche gli ispettori apprezzano che vi sia un utilizzo di vari strumenti proprietari e non a livello di scuola, reputano che questo sforzo sia utile agli studenti per accrescere le loro competenze; da quanto detto nella Conferenza di servizio dei DS del 26/03/2020, ritengono anche che il Consiglio di ciascuna classe debba accordarsi su un massimo di due tipologie di piattaforme. Si raccomanda di evitare il sovraccarico e che stiano sempre collegati in videolezioni docenti e alunni

È tassativo fare solo due videolezioni al giorno?

È una raccomandazione. In altre scuole per evitare di stare sempre collegati in tutte le materie hanno scelto per le quinte classi di fare più video lezioni giornaliere, ma solo per le materie d’esame. Alcune classi vogliono fare più videolezioni nello stesso giorno.

E quando finiscono i GIGA?

Vi è un movimento chiamato “solidarietà digitale”. Già moltissime società e gestori telefonici aderiscono. Ci sarà la possibilità di avere GIGA gratuiti per Alunni e per Docenti. Gli ispettori stanno verificando le modalità e ci daranno indicazioni. La TIM mi riferiscono abbia già attivato questa opzione.

Come raggiungere anche gli studenti che non hanno i mezzi tecnici per partecipare a tutte le attività?

Ho fatto chiamare gli studenti che non partecipano e verificato i problemi che sorgono:

  • alcuni non hanno il computer; possono utilizzare solo il cellulare ma non hanno applicativi per scrivere.
  • i GIGA del cellulare finiscono presto con le videolezioni.

È importante mantenere con questi studenti e soprattutto con quelli socialmente svantaggiati una forma di interazione anche minima attraverso la e -mail e far fare loro quello che riescono a fare. Fate riferimento soprattutto a materiali che hanno già, ossia il libro di testo. Per gli esercizi, tutti gli studenti usano WhatsApp, potete proporre loro di mandarvi la foto del compito che hanno svolto sulla mail (fanno la foto, condividono via mail e inviano senza utilizzare Giga)

Qual è il ruolo dell’insegnante di sostegno?

È quello indicato dalle nostre linee guida. Viene rinforzato della nota del MI 388 del 17/03/2020 che prevede un contatto diretto dell’insegnante con le famiglie dei ragazzi certificati. Inoltre, egli deve verificare che gli alunni siano in possesso delle strumentazioni necessarie ed eventualmente segnalarlo alla scuola

Devo continuare a seguire la programmazione iniziale o la devo modificare?

La circolare del MI già citata, prevede che il CdC rivede la programmazione e ogni docente riprogetta le attività didattiche in modalità a distanza, i materiali e le modalità di interazione con gli alunni e deposita la nuova programmazione a scuola inviandola telematicamente al dirigente scolastico.

Bressanone, 10/04/2020

La Dirigente scolastica e il Team dell’innovazione didattica